RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen

BATTISTI PURTROPPO LIBERO 


bt


La foto che vedete sopra è destinata a diventare un'immagine d'archivio. Infatti, grazie all’alleanza planetaria della sinistra radical – chic italiana, della gauche – caviar francese, con il fondamentale intervento della Première Dâme e dell’ormai ex Presidente Lula, l’ex terrorista assassino Cesare Battisti è tornato libero, senza aver pagato il fio dei delitti per i quali è stato condannato in via definitiva dalla nostra Magistratura. Ho più volte riportato l’indignazione dei massimi esponenti del nostro Paese. Il Presidente Napolitano, sempre vicino ai parenti delle vittime innocenti, ha anche oggi ribadito la sua esecrazione per il comportamento indecoroso ed offensivo delle Autorità brasiliane. Il Ministro Frattini ha intanto richiamato il nostro Ambasciatore per consultazioni e ha assicurato che l’Italia farà ricorso al Tribunale de L'Aja. Il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha espresso una vibrata protesta. Resta però il fatto che ancora una volta uno dei protagonisti degli anni di piombo la fa franca, senza espiare, neppure in parte, la pena e che le vittime ricevono un ulteriore oltraggio, forse peggiore di quello che hanno patito tanti anni or sono. L'opinione pubblica non ha protestato particolarmente contro questa ingiusta e offensiva decisione, non sono stati organizzati cortei da qeui movimenti e quei gruppi sempre pronti a scendere in piazza in ogni occasione, che però sono vicini alle posizioni di Battisti e dei suoi protettori. Le nostre Autorità dovranno esperire tutti i percorsi possibili per perseguire l’assassino mai pentitosi, che addirittura ha più volte irriso la giustizia italiana e le vittime degli atti criminali da lui compiuti. Avendo però poca fiducia in soluzioni di questo tipo, ed essendo sicuro che Battisti ritornerà subito uccel di bosco, non ci resta che sperare in una giustizia superiore che rimetta le cose al loro giusto posto!

                                                    Paolo Padoin
                          




Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.