RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen* = Novità

SUICIDIO DI NEOBR

br


Dal Corriere della sera del 2 novembre traggo alcuni commenti di Alessando Capponi e Francesco Alberti sul suicidio in carcere di Diana Blefari Melazzi, neobrigatista, morta nel carcere femminile di Rebibbia, a Roma. La donna era stata condannata all'ergastolo per l'omicidio del professor Marco Biagi. Ce l'aveva con l'amministrazione carceraria. Qualche mese fa aggredì una guardia e spesso ripeteva una frase: «C'è un complotto, siete tutti d'accordo con D'Alema che mi vuole uccidere». Dopo l'arresto, nel dicembre 2003, si dichiarò «militante rivoluzionaria del partito comunista combattente». Subito dopo il suicidio in carcere scattano le consuete polemiche, perché famiglia e legali si battevano perché fosse riconosciuta «la sua malattia, la sua incapacità processuale. Questo è un suicidio annunciato». È la stessa tattica usata anche dagli ex brigatisti rifugiati in Francia per evitare l'estradizione in Italia. Ci si preoccupa sempre dei problemi psicologici degli assassini e mai di quelli dei parenti delle vittime. Infatti Patrizio Gonnella, presidente dell'associazione Antigone, ricorda che «tra quelle di parte e le altre, su quella donna sono state eseguite trenta perizie». I legali smentiscono il numero, «furono cinque, una era attesa a giorni», ma non la sostanza del discorso: poche o tante che furono, «quelle perizie sono state contraddette dai fatti, purtroppo». Per Marco Pannella «questo suicidio è il risultato di un sistema di giustizia e carcerario che induce gesti estremi». Per Paolo Cento (Sinistra e libertà), questa è «una pagina vergognosa». Per l'ex sottosegretario alla Giustizia, Luigi Manconi, «le perizie sono lì a testimoniare una condizione che avrebbe dovuto imporre il suo ricovero in una struttura psichiatrica protetta». Il capo del Dap, Franco Ionta, dopo una visita a Rebibbia: «Ho constatato che la sistemazione era corretta, gli psichiatri parlavano di relativa tranquillità».

In questa morte, fatto di per sé tragico e umanamente doloroso, il rischio che altro odio, altro livore, si rimetta in circolo in certe teste e in certi siti. A cominciare da Facebook, dove purtroppo Biagi vive ancora: oggetto e alibi di una follia verbale di cui la Rete è vetrina e detonatore. Sono iscritti in 14, per citarne uno, al gruppo «Purtroppo le Brigate rosse sono arrivate tardi»: dove il ritardo va riferito all'uccisione del giuslavorista, che andava fatto fuori prima, «essendo l'unico colpevole di quel precariato che ci rende tutti sfruttati e sottopagati». E sono addirittura in 130 quelli del gruppo intestato a Nadia Lioce, dipinta come una martire dal «compagno Francesco», in piena crisi di coscienza: «Mi sento fortemente in colpa per Nadia: ciò che ha fatto è stato per il mio bene e oggi lei è all'ergastolo...». In 62, ma sono segnalati in crescita, coloro che invece si danno appuntamento sotto il titolo «Quelli che maledicono Marco Biagi». Tengono a precisare, per carità, «di non essere terroristi né comunisti sfegatati», ma intanto ospitano pensieri lunghi come quello di tal Gortan («Non potevano ammazzarlo prima che facesse quella fottuta legge?») o di tal Marata («Spero si stia godendo lo spettacolo da un posto molto caldo!»). Alla compagna Diana Blefari («Onore, onore») strilla invece «La Volante Rossa», che nella testata abbina Karl Marx e un fedayin con mitra, incitando il proletariato «all'azione antifascista e all'informazione di classe». Per loro, aspiranti «martiri partigiani», non c'è alcun dubbio su ciò che è avvenuto in quella cella di Rebibbia: «Lo Stato che tortura i detenuti si è ampiamente fregato di Diana, sentenziano: nella più benevola delle ipotesi, è stata indotta al suicidio!».

Sono tutte testimonianze del fatto che purtroppo esiste ancora nel nostro Paese una larga frangia di persone che strizzano l’occhio e guardano con favore a terroristi e ex terroristi. Quando finirà questo sconcio? I casi Battisti, Petrella ecc. non mi fanno essere ottimista. La potente lobby politico-intellettuale-mediatica dei radical-chic, degli ex Lotta Continua ecc. esercita ancora la sua nefasta influenza!

Paolo Padoin


 


                          




Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.