RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen

SINDACI BIS


rud

 

1) Dal Sole 24 Ore del 9 dicembre 2007

Il malessere del Nord Est INCHIESTA SU STRANIERI E ORDINE PUBBLICO: "NOI SINDACI AL FRONTE SICUREZZA"

Non tutti nel Veneto (anche di centro-destra) credono al modello-Cittadella di Angelo Mincuzzi

La "giusta distanza" non è una regola semplice da applicare quando in gioco c'è la sicurezza dei cittadini che ti votano, ma Mauro Fecchio ne ha fatto la sua bussola. A 38 anni è sindaco di Correzzola, un paese di quasi seimila anime a ridosso del grande delta di Adige e Po, in provincia di Padova: 5.600 abitanti, per la precisione, e 280 immigrati regolari. Qui, tra i pioppi e la nebbia della frazione di Concadalbero, Carlo Mazzacurati ha ambientato il suo ultimo film, «La giusta distanza», storia di Hassan, meccanico tunisino stimato e integrato, risucchiato nel vortice delle paure collettive sugli extracomunitari e accusato di omicidio. Nella finzione cinematografica sarà la trasgressione alla regola della giusta distanza - che lo vorrebbe né indifferente né troppo coinvolto nei fatti di cui scrive -a portare un giovane giornalista a scoprire l'innocenza dell'immigrato Hassan. Nella vita reale, invece, la giusta distanza può servire a guidare le scelte del sindaco di Correzzola, soprattutto quando si parla di immigrazione. «L'importante - dice - è conservare equilibrio tra i due estremi: l'enfatizzazione dei problemi e il restar fermi. I polveroni mediatici non risolvono nulla ma aumentano le paure della gente. Qui ci sono molti immigrati cinesi che lavorano sui telai dei piccoli laboratori lasciati dagli italiani, ma abbiamo anche i muratori rumeni e gli operai extracomunitari delle fabbriche di carpenteria. Per carità, il problema della sicurezza esiste, ma io l'ordinanza di Cittadella, che subordina per gli stranieri la concessione della residenza alla disponibilità .documentata .di un reddito e di una casa decorosa, non l'ho condivisa: il sindaco non può sostituirsi allo Stato». Ragionamenti di sinistra? Per nulla. Perché Fecchio guida una giunta composta da Alleanza nazionale e da una lista civica. A Correzzola all'opposizione c'è Forza Italia, ma anche tutti i partiti che sostengono il Governo di Roma. E sono in tanti a pansarla come lui tra i sindaci dei 574 piccoli e medi Comuni del Veneto dove vivono circa 3,7 dei 4,7 milioni di abitanti della regione. Sono i primi cittadini che non finiscono sui giornali, che non bucano i teleschermi e che fanno del pragmatismo la parola d'ordine. A San Giovanni Lupatoto, 114 chilometri di auto da Correzzola, in provincia di Verona, un altro sindaco, Fabrizio Zerman, fa del ragionamento e dell'equilibrio il suo punto di partenza. Alla testa di una lista civica alleata con Forza Italia, Lega Nord, An, Udc e una componente di verdi, Zerman è quello stesso sindaco che due mesi fa ha vietato ai dipendenti comunali di fare la pausa caffè per non dare una cattiva immagine alla cittadinanza. Ma sull'immigrazione esordisce controcorrente: «Io pongo l'accento sul problema dell'integrazione. Chi arriva qui, spesso non si adegua alle leggi e ai nostri comportamenti ma sarebbe irrealistico mettere la testa sotto la sabbia: con loro dobbiamo aprire un dialogo. Purché abbiano i regolari permessi, naturalmente». 23mila abitanti, circa il 10°/o della popolazione è immigrato e il sindaco non nasconde che il problema della sicurezza esista ma sulle ordinanze di alcuni Comuni veneti che hanno alimentato le polemiche di questi giorni, Zerman è altrettanto netto: «Alcune sono fondate, altre no. Mi pare che ci sia stata una certa accentuazione dei problemi sulla spinta dell'emotività pur di andare sotto i riflettori. Le difficoltà ci sono, c'è stata troppa tolleranza e lo Stato ci da forse pochi poteri, ma la risposta di alcuni sindaci mi sembra sia stata un po' troppo sopra le righe. Bisognerebbe coordinarsi di più, senza spettacolarizzazioni, perché questo è un problema di tutti». Già, la spettacolarizzazione. Quella che rischia di creare false aspettative nei cittadini pubblicizzando iniziative dall'efficacia tutta da dimostrare. È un pericolo che Doriano Mancin, 56 anni, sindaco di Porto Viro (Rovigo), a capo di una maggioranza che accanto a una lista civica vede insieme Forza Italia, socialisti, Udc e indipendenti con l'appoggio della Lìga Nord, ventila come concreto. «Certo - esordisce tra fermezza e dialogo Doriano Mancin (Porto Viro): ho vietato la sosta abusiva degli zingari, ma sicurezza e convivenza pacifica devono andare di pari passo - alcuni cittadini hanno paura per qualche furto che c'è stato, ma qui siamo un'isola felice, con 300 immigrati su 14.500 abitanti. Come sindaco devo avere equilibrio e non creare allarmismi, ma l'attenzione, quella deve sempre essere alta». Cinque anni fa Mancin si distinse per un'ordinanza che vietava la sosta sul territorio comunale ai nomadi: oggi sul fronte dell'immigrazione dice che «sicurezza e integrazione devono andare di pari passo». A Porto Viro sono stati aumentati i dipendenti nella Polizia municipale e si attendono dallo Stato i fondi per installare videocamere di sorveglianza nelle strade cittadine. Perché anche questa è una misura concreta per aumentare la sensazione di sicurezza. Lo sa bene Maria Gomierato, 58 anni, sindaco di Castelfranco Veneto, 3mila abitanti in provincia di Treviso. «Più che seguire la strada delle ordinanze stiamo cercando di fare qualcosa di concreto», chiosa il sindaco, che da otto anni amministra la cittadina attraverso una lista civica di centro, con tutti i partiti tradizionali (dalla Lega al nuovo Pd) all'opposizione. «Da tre anni abbiamo piazzato 30 videocamere e ora ne aggiungiamo altre 20. Abbiamo illuminato il più possibile strade e piazze, impedito soste e accessi impropri ai nomadi, intensificato la collaborazione con Polizia ferroviaria e Carabinieri e dalla scorsa settimana è stata avviata una sperimentazione, quella del carabiniere di quartiere, unica in tutta, la provincia di Treviso». Più poteri ai sindaci? Per Maria Gomierato le leggi sulla concessione della residenza, se applicate con severità, funzionano: le super ordinanze, insomma, non servono. Anche nel regno della concia, Arzignano in provincia di Vicenza, 25mila abitanti, il 18% dei quali stranieri, il sindaco Stefano Fracasso, 43 anni, non vede di buon occhio le ordinanze come quella di Cittadella. «Certo - sottolinea - gli strumenti concessi ai sindaci non sono sufficienti, da soli, ad arginare iproblemi legati all'immigrazione ma è anche sbagliata questa "sindrome da municipalità" secondo la quale il sindaco deve fare tutto, perché crea false aspettattive». Fracasso, alla testa di una maggioranza di centro-sinistra, plaude alla «posizione sensata» del governatore veneto Giancarlo Galan ed elenca le misure adottate dalla sua giunta: sopralluoghi e verifiche sugli alloggi degli immigrati, sequestro dei prodotti dei commercianti ambulanti irregolari, verifiche continue dei documenti di identità, gestione dei microconflitti. Punta il dito sulla Bossi-Fini: «Sta succedendo di tutto, anche che gli stranieri chiedano permessi di soggiorno come badanti in famiglie di altri extracomunitari, che chiaramente non possono permettersi di pagare un collaboratore familiare. Lo Stato dovrebbe essere più presente e dare un segnale forte, ecco quello che ci vuole». Sulla stessa linea di Fracasso è il sindaco di Chioggia (quasi 52mila abitanti in provincia di Venezia) Romano Tiozzo, leader di una maggioranza di centro-destra: «Le regole ci sono, bisogna farle rispettare senza caccia alle streghe. Noi sindaci dobbiamo tutelare la sicurezza dei cittadini e dobbiamo farlo con gli strumenti che abbiamo, come i controlli ferrei quando un immigrato chiede la residenza. E quello il momento della verità: senza requisiti, niente residenza. Punto e basta. È il nostro dovere ma, per carità, noi non siamo poliziotti».

 
2) Dal Mattino di Padova del 14 dicembre 2007

LA RIVOLTA DEI SINDACI
Mezza An prende le distanze da Luca Claudio
Emo Capodilista, Fecchio e Verza: «Con gli immigrati serve l’equilibrio di Fini»

MONTEGROTTO. Doveva essere la visita con cui il segretario di Alleanza nazionale Gianfranco Fini avrebbe «benedetto» la crociata sulla sicurezza dei sindaci del suo partito. Il tutto nella città guidata da Luca Claudio, che ha ottenuto la ribalta internazionale per aver «sparato» sui maxi-schermi comunali l’invito ai propri cittadini ad emigrare contro il boom di clandestini. E invece oggi quando, attorno alle 12.30, il leader di An farà il suo ingresso al Palacongressi di via Scavi, saprà anche che non tutti all’interno del partito sono con Claudio. Specie chi ha «occhio» per le associazioni economiche invitate.

Il primo a dissociarsi è il consigliere provinciale (e presidente della commissione per le attività produttive) Giordano Emo Capodilista, che difende il vescovo Antonio Mattiazzo e il presidente di Unindustria Padova Francesco Peghin. I due avevano esortato a non confondere il tema dell’immigrazione con le questioni sicurezza e legalità. Anche perché per le aziende, i lavoratori stranieri sono una risorsa irrinunciabile più che una minaccia. «Non si possono lanciare provocazioni del genere sulla pelle degli imprenditori e dei lavoratori - ha puntualizzato Capodilista - Messaggi come quelli di Montegrotto, rischiano di creare danni enormi al tessuto economico e produttivo, specie in un bacino delicato com’è quello termale. Senza contare che i turisti stranieri non ne comprendono il significato». «Non si possono affrontare questioni importanti e sacrosante con metodi che rischiano solo di farci fare la figura dei pagliacci. Per questo chiediamo che Fini prenda una posizione», ha concluso il consigliere.

Da una parte le «parole» di Claudio, dall’altra «i fatti» del collega sindaco di An Lino Ravazzolo. Che da Teolo ha proposto di rivedere la legge sulla cittadinanza. Idea condivisa in pieno anche dal terzo primo cittadino targato An, Mauro Fecchio (Correzzola). «Alle provocazioni preferisco i fatti - dice - Meglio fare controlli costanti con le forze dell’ordine che hanno portato alla luce casi di sfruttamento della manodopera clandestina».

Si allinea anche l’assessore provinciale alla Sicurezza Mario Verza, che parla dell’arrivo di Fini come un «segnale forte di attenzione ai problemi del Nordest, tra cui la delinquenza e l’immigrazione clandestina». «Sono certo però che Fini saprà anche esprimere l’equilibrio che An riserva verso gli immigrati che sono qui onestamente, e l’attenzione alle esigenze di sviluppo economico di Padova che vedono nella presenza dei lavoratori immigrati un fattore di primaria importanza», ha concluso Verza.

Fini, intervenuto a Montegrotto, ha appoggiato l'azione dei Sindaci per quanto riguarda la revisione della legge Gozzini, un inasprimento della legge Bossi-Fini e una maggiore certezza della pena.

Lo stesso Sindaco di Montegrotto, accortosi che la sua iniziativa poteva essere interpretata in modo controproducente, ha poi pubblicato un annuncio a pagamento sui giornali locali (il 24 dicembre 2007) per affermare che la battaglia per la sicurezza dell'amministrazione comunale non è una campagna xenofoba.

                                                   

Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.