RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen

LOTTA ALLA DROGA


CBTO

Da tempo la lotta allo spaccio di droga a Torino non conosce soste e si esercita con particolari metodologie d'indagine e d'intervento da parte della Magistratura e delle Forze dell'ordine. A seguito di alcune operazioni eseguite nel 2008, i processi hanno condotto all’irrogazione di pene per un totale di quasi 115 anni e nemmeno un’assoluzione. Il maxiblitz dei carabinieri contro gli spacciatori di Tossic Park, che nel luglio dell’anno scorso portò in carcere oltre trenta persone, ha avuto quindi un risultato giudiziario molto positivo a dimostrazione che l’approccio investigativo utilizzato ha pagato. Cfr quanto riportato sulla stampa:

http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/92462/

Ma l’azione coordinata di Magistratura, Forze dell’ordine e Prefettura non si è limitata a questo. A seguito di molte altre fruttuose operazioni ho espresso le più vive felicitazioni al Procuratore della Repubblica di Torino, Gian Carlo Caselli, e ai suoi sostituti e ho voluto rivolgere personalmente il più vivo apprezzamento e ringraziamento al Col. Antonio De Vita e ai suoi Carabinieri per i brillanti risultati ottenuti, intervenendo in modo incisivo nei confronti dello spaccio di droga, con l’attiva partecipazione di cittadini interessati. 

crt

Cfr i commenti della stampa:

http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/93982/

Ho sottolineato che i risultati ottenuti hanno ribadito ancora una volta la piena validità della strategia di piena e concreta collaborazione fra istituzioni, confermata più volte dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e già sperimentata in occasione della bonifica di Parco Stura. Ho ricordato come fin dall’inizio del mio mandato il Comitato abbia deciso d’indirizzare l’attività di contrasto all’illegalità secondo linee e modalità che consentissero di collaborare con la Magistratura per gli interventi nei confronti di specifici fenomeni che turbano particolarmente la civile convivenza. Grazie all’altissima professionalità della nostra Magistratura e delle nostre Forze dell’ordine sono stati raggiunti positivi risultati in tema di lotta allo spaccio di droga, e la stessa strategia viene seguita anche nell’azione di contrasto delle manifestazioni d’illegalità da parte della galassia antagonista. In proposito si sono registrati già brillanti risultati, tanto che, per gli scontri avvenuti in occasione del g8 dell’Università, su ordine della Magistratura torinese sono stati arrestati 21 esponenti della galassia antagonista, 12 di Torino e 9 di Bologna, Padova, Napoli. Come ha rilevato il Procuratore Capo di Torino, Gian Carlo Caselli, con questi provvedimenti erano stati colpiti coloro che avevano premeditato e attuato l’attacco violento alle Forze dell’ordine e non coloro che avevano manifestato pacificamente. Nel frattempo erano stati denunciati e segnalati alla Magistratura gruppi di anarco-insurrezionalisti che, negli ultimi due anni, avevano compiuto numerose azioni illegali e violente, fra le quali l’irruzione al Ristorante Il Cambio. A costoro è stata irrogata la sanzione di una misura di vigilanza speciale. Sono queste le risposte più concrete alle richieste pressanti dei cittadini, che chiedono maggior sicurezza, e anche alle dichiarazioni di chi, sottolineando il malcontento di gruppi di abitanti, non perde occasione di rivolgere pesanti critiche alle istituzioni. Cercheremo di perfezionare sempre più la complessiva azione programmata per il contrasto più efficace all’illegalità, che ha dato senza dubbio frutti positivi e che altri ne potrà dare anche nel prossimo futuro.

              Paolo Padoin

Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.