pe
RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen

LORENZO CONTI vs LO STATO

cnt

Era il 1986, anno in cui le Brigate rosse sembravano ormai sconfitte e disperse. Nel 1989 arrivò la cosiddetta “ritirata strategica”, poi dieci anni di silenzio fino all’assassinio di Massimo D’Antona. Nel 1986, il 10 febbraio, in un agguato al Ponte alla Badia a Firenze fu ucciso l’ex Sindaco di Firenze, Lando Conti, colpevole di possedere una minuscola quota azionaria di un’azienda che costruiva tecnologia radar.

Mi ricordo bene di quei fatti: ero Capo di Gabinetto alla Prefettura di Firenze e, insieme all’allora Prefetto Giovanni Mannoni, ci recammo subito sul luogo dell’agguato. Nel 24 anniversario di quella tragedia il figlio, Lorenzo Conti, ha dichiarato che citerà in giudizio lo Stato. «A breve procederò contro lo Stato per chiedere i danni morali ed esistenziali subiti dalla mia famiglia: prima con una causa civile e poi al tribunale internazionale dei diritti dell'uomo». Conti ha inviato una lettera al ministro della Giustizia Alfano in cui auspica «una Commissione parlamentare d'inchiesta che ci consegni la verità sui tanti lati oscuri».

In una chiarissima intervista, rilasciata al giornale di Firenze “La Nazione”, il figlio dell’ex Sindaco si rammarica del fatto che non siano state chiarite completamente le responsabilità di quell’assassinio, in particolare quelle di alcuni affiliati a Democrazia Proletaria, che avevano svolto una campagna denigratoria contro Lando Conti, la cui memoria è presente nella gran parte dei cittadini onesti.

È un’ulteriore dimostrazione di quanto sia ancora lontana la giustizia nei confronti dei parenti delle vittime del terrorismo e un preciso monito a non abbassare la guardia nei confronti di comportamenti di gruppi di anarco insurrezionalisti, squatters, centri sociali, nelle cui fila nel recente passato il nuovo terrorismo ha pescato per reclutare nuovi adepti.

               Paolo Padoin, Prefetto di Torino

Cfr. http://www.clienti.rassegnestampa.it/polizialocale/

 

     

 

 

                                                       




Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.