RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen* = Novità

IL 1° MAGGIO

mg


Il diritto al lavoro e la tutela del lavoro hanno rappresentato e rappresentano due pilastri del nostro impianto costituzionale e vanno mantenuti in egual misura al centro dell'impegno della Repubblica, e delle sue istituzioni. Sia per l'uno che per l'altro aspetto siamo ancora lontani da traguardi conclusivi e da conquiste consolidate.

La Festa del Lavoro cade quest’anno in un momento particolarmente importante e delicato per l’Italia, dopo le recenti consultazioni politiche e amministrative, in attesa della formazione del nuovo Governo che sarà chiamato ad affrontare subito i principali problemi del Paese. Oggi onoriamo gli insigniti, le Stelle al Merito del Lavoro, esempi di onestà professionalità, spirito di sacrificio, intelligenza, creatività, fedeltà al lavoro. Proprio in questo senso l'antica decorazione della "Stella al merito del lavoro” conserva pienamente il suo significato e la sua funzione di valorizzare l'aspirazione al lavoro e l'attaccamento al lavoro. Sapete quali sono le qualità e l'impegno che motivano il conferimento delle "Stelle": perizia, laboriosità, integrità personale, capacità di contribuire attraverso invenzioni e innovazioni al miglioramento delle tecniche e dei metodi di lavorazione, impegno a trasmettere alle nuove generazioni il proprio patrimonio di professionalità, impegno a contribuire al miglioramento delle misure di sicurezza del lavoro.

Particolare attenzione merita il capitolo della sicurezza nei luoghi di lavoro, che è parte della tutela richiesta dalla Costituzione, e che abbiamo voluto porre al centro della celebrazione del 1° maggio. Non esistono soluzioni radicali e facili: ma dobbiamo sentire in tutto il suo peso umano e sociale il fatto che il numero totale degli infortuni resta non molto al di sotto del milione all'anno e quello degli infortuni mortali resta di oltre mille all'anno, in media - tragicamente - tre al giorno. Non possono confortarci confronti statistici né di carattere internazionale né di carattere retrospettivo in riferimento all'Italia. Il Presidente Napolitano ha consegnato oggi una stella alla memoria ai familiari delle vittime degli incidenti avvenuti alla Thyssenkrupp di Torino, a Porto Marghera, al Truck Center di Molfetta. E' assurdo che si debba morire lavorando. Questa sensibilità non può mai venire meno da parte nostra, essa significa partecipazione autentica, commossa al dolore, alla tristezza di tante famiglie, e significa dovere istituzionale di reagire.

Vigilanza e repressione - attraverso un forte e coordinato impulso dell'attività ispettiva - delle violazioni delle norme vigenti, interventi incisivi sulle aree di lavoro irregolare o in nero e sulla realtà degli appalti; prevenzione, sistematica e a tutti i livelli; formazione, con sostegni mirati specialmente alle piccole e piccolissime imprese; rafforzamento dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Qualcosa si è già realizzato anche sul piano degli accordi aziendali e dei patti locali anti-infortuni; ci sono buone pratiche da far conoscere e da diffondere. In Piemonte tutti gli attori di questa vicenda hanno fatto e stanno facendo la loro parte. Ho colto con molta ammirazione e favore gli accordi stipulati, unici in Italia, fra l’Unione Industriale di Torino e i Sindacati territoriali, tesi soprattutto a privilegiare formazione e informazione, i protocolli siglati fra Regione e Sindacati per la prevenzione e la sicurezza sui luoghi di lavoro, il recente accordo siglato in Consiglio Regionale con l’INAIL, le iniziative adottate da Comune, Provincia e Regione per ricordare questa piaga e per contribuire a porvi rimedio, il protocollo d’intesa per la promozione della sicurezza nei luoghi di lavoro firmato da tutte le parti interessate in Prefettura a Torino. Sono tutte attività eccellenti, che necessitano di sviluppi concreti in tempi brevi per arrivare a creare un sistema di prevenzione e controllo che riduca il pericolo d’incidenti. La Festa del Lavoro quest'anno è caratterizzata dall'inaugurazione, da parte del Presidente della Repubblica, del Monumento in memoria di tutte le vittime del lavoro. Il monumento inquadra il rilievo in bronzo, opera di Vincenzo Vela, dedicato ai lavoratori che caddero nella costruzione della galleria ferroviaria del San Gottardo. La cerimonia ha luogo nel piazzale G. Pastore, sede dell'INAIL a Roma, dove il monumento è collocato.

Occorre mettere in campo tutte le risorse ed energie; dobbiamo far sì che le persone debbano poter tornare la sera a casa dal luogo di lavoro integre come sono uscite la mattina. Si tratta di un fenomeno drammatico che, nonostante gli sforzi compiuti, continua a provocare lutti. E’ necessario proseguire l’opera di prevenzione e di migliore informazione e fare della sicurezza sul lavoro una priorità della nostra agenda quotidiana e una vera e propria questione d’interesse civile.

L’ Art. 1 della nostra Costituzione recita: L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Finora abbiamo conservato, grazie all’impegno di tutti, la forma del nostro Stato democratico. Facciamo sì che anche i principi della dignità, della civiltà e della sicurezza sul lavoro siano tutelati e salvaguardati al massimo per tutti i cittadini, e per i non cittadini che lavorano onestamente in Italia, e che contribuiscono al progresso civile, sociale, morale e al benessere del nostro Paese.

Paolo Padoin Prefetto di Torino

 

 


                          




Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.