RINNOVARE LE ISTITUZIONI  
sen

NOMADI E GIUDICI




ZI

residenza rom

Un articolo di Niccolò Zancan su “La Stampa” di Torino del 3 novembre riferisce un caso esemplare di sentenza che, formalmente corretta, produce l'effetto non voluto di scoraggiare le Forze dell'ordine e i cittadini. Racconta Zancan:

“Adesso il principio è fissato. Non sussiste pericolo di fuga per un parcheggiatore abusivo che ha minacciato gli automobilisti davanti a un ospedale, ed è quindi accusato di tentata estorsione: «Perché chi svolge con assiduità l'attività di parcheggiatore abusivo - scrive il gip - dimostra uno stabile vincolo con il territorio». Non può scappare, è sempre in zona. Anche nel caso si tratti, ed è precisamente questo il caso, di un rom residente in un campo nomadi irregolare di via Germagnano, abusivo come la professione che esercita: «Ha comunque una residenza». Buone notizie per M.C., 43 anni, rom di origini romene, già famoso per essersi buttato due volte sotto un'auto di passaggio per intascare i soldi dell'assicurazione. Entrato in carcere venerdì, è stato liberato ieri mattina. Respinta la convalida del fermo. Respinta anche la richiesta di misura cautelare in carcere chiesta dal pm. È libero in attesa del processo. Anche se davanti ai poliziotti, che cercavano di bloccarlo, era già scappato una volta. Anche se è stato riconosciuto da una sua vittima, l'ultima. Niente. È un caso di cortocircuito perfetto: il reato di cui è accusato si è rivelato la sua salvezza. È successo tutto davanti al San Giovanni Bosco. Il metodo di M. C. è sempre lo stesso. Si avvicina ubriaco fradicio. Chiede soldi, minaccia danni alle auto, oppure peggio: «Se non paghi, finisci male». Una ragazza però, che stava andando a trovare un parente gravemente malato, non ha lasciato correre. Si è rivolta ai poliziotti del commissariato Barriera di Milano. Ha descritto il parcheggiatore abusivo minuziosamente. Non è difficile, per la verità: è gobbo e zoppo per via degli incidenti che si è autoprocurato. I poliziotti hanno preso molto seriamente la denuncia. Per tre giorni hanno fatto controlli e appostamenti continui. Giovedì il primo tentativo di bloccare M. C. è andato male. È riuscito a scappare. Ma venerdì, sempre lui, sempre pieno di alcol, stava litigando con la moglie davanti all'ospedale Martini. Ha aggredito una guardia giurata, che poi l'ha bloccato, in collaborazione con la polizia. Gli agenti del commissariato quindi hanno immediatamente convocato la vittima della tentata estorsione. La ragazza ha riconosciuto senza esitazione M. C. È stato portato in carcere. Ma il gip non ha convalidato il fermo. «Non c'era flagranza di reato - spiega l'avvocato che difende il rom - non c'era neppure un immediato pericolo di fuga, che va sempre dimostrato in modo inappuntabile. Ritengo quindi che il gip abbia fatto bene. Una scelta corretta. Altrimenti avrebbe dato un potere eccessivo alla forze di polizia». Facile immaginare lo stato d'animo dall'altra parte della barricata. Tutto lavoro inutile. A M. C. è stata notificata come unica misura cautelare l'obbligo di non avvicinarsi all'ospedale San Giovanni Bosco. Per il resto, può fare quello che ritiene. Cambiare ospedale. Come far perdere le sue tracce, evidentemente. Ma proprio su questo punto, l'avvocato ha una battuta fulminante: «Magari lasciasse l'Italia! Parliamo di un uomo assolutamente ingestibile, alcolista, pazzo, si butta per terra, mi bacia la mano. Un maestro di zingarate».

                                                              Paolo Padoin

 

 

                          




Si prega d'inviare contributi e osservazioni a questo indirizzo di posta elettronica: papaopad@yahoo.it.