Rinnovare le Istituzioni

Covid19: pochi casi, pochi decessi, pochi ricoveri, niente vaccinazioni. Tramontata, per fortuna, l’epoca Speranza

ROMA – Dopo l’ossessiva campagna Covid19 e vaccinale del ministro Speranza ai tempi dei governi Conte2 e Draghi, il ministero della salute ha abbandonato le comunicazioni giornaliere di casi e ricoveri per ripiegare su un più logico report settimanale, che non dà adito a allarmi.

Ci sono dunque meno casi e meno vittime, così come meno ricoveri in area medica. Il Covid continua a restare sotto controllo, con un trend in discesa, in Italia secondo il bollettino del ministero della Salute.
    Nella settimana compresa tra il 21 e il 27 marzo 2024 si registrano 603 nuovi casi positivi con una variazione di -23,0% rispetto alla settimana precedente (783); 20 deceduti con una variazione di -23,1% rispetto alla settimana precedente (26); 120.436 tamponi effettuati con una variazione di -6,2% rispetto alla settimana precedente (128.406).
    Il tasso di positività è stato dello 0,5% con una variazione di -0,1% rispetto alla settimana precedente (0,6%).
    Il tasso di occupazione in area medica al 27/03/2024 è stato pari all’1,2% (754 ricoverati), rispetto al 1,4% (839 ricoverati) del 20/03/2024.
    Il tasso di occupazione in terapia intensiva al 27/03/2024 è infine pari allo 0,3% (25 ricoverati), rispetto allo 0,3% (27 ricoverati) del 20/03/2024.

Anche i giornali, le tv hanno dimenticato la materia e gli esperti Covid sono per fortuna spariti. Adesso si parla di Ilaria Salis e di Mattarella che la sostiene, di Israele e Gaza, delle elezioni europee. Sparito anche Zelensky, nonostante i suoi ripetuti tentativi di riportare l’attenzione sull’Ucraina, che ha stufato la maggior parte del mondo, Biden, Meloni e von der Leyen esclusi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *