Rinnovare le Istituzioni

Firenze: corteo silenzioso nel 31.mo anniversario della strage dei Georgofili

FIRENZE – Come ogni anno, alle 1:04, ora della strage, sono state commemorate le vittime dell’attentato di via dei Georgofili che , a Firenze: 31 anni fa, il 27 maggio 1993 fece 5 vittime.

Morirono le piccole Nadia e Caterina, la prima 9 anni, la seconda un mese e mezzo, insieme ai loro genitori Angela Fiume e Fabrizio Nencioni e lo studente Dario Capolicchio, 22 anni.
    Un corteo silenzioso si è mosso da Palazzo Vecchio per raggiungere la vicina via dei Georgofili dove è stata poi deposta una corona.

Tra i presenti il governatore Eugenio Giani, l’assessora comunale Maria Federica Giuliani per Palazzo Vecchio, la prefetta Francesca Ferrandino, il presidente dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage Luigi Dainelli, il procuratore generale presso la corte d’appello di Firenze Ettore Squillace Greco, rappresentanti delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco, candidati a sindaco. Non c’era nessuno, almeno a quanto riferisce l’Ansa, in rappresentanza della procura della repubblica fiorentina, di nuovo nell’occhio del ciclone per il nuovo avviso di garanzia inviato al generale Mori.

Ricordo quella notte, mi svegliai per il botto e corsi subito in prefettura, recandomi poi sul posto dello scoppio della bomba. Ho seguito poi tutta la vicenda (ero allora vice prefetto vicario), e ho presieduto la commissione che ha dato i risarcimenti per i danni subiti dai privati a causa della tremenda deflagrazione. Un ricordo che ancora mi porto nel cuore.

P.S. – Mi arriva da Facebook la segnalazione che questo post avrebbe un contenuto di violenza incompatibile con i suoi principi. Evidentgemente l’algoritmo che lo governa ha scovato la parola “bomba”, segnalando una frase violenta. Questo è il mondo a cui ci vogliono sondannare, dominato dall’intelligenza artificiale!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *