Rinnovare le Istituzioni

Ucraina: arrivano le armi micidiali degli alleati, ma l’esercito di Zelensky è in rotta

KIEV – La Russia preme e avanza, l’Ucraina fatica a difendere in particolare il fronte orientale nella fase critica della guerra. E’ il generale Oleksandr Syrsky, comandante delle forze armate di Kiev, a fotografare una situazione sempre più complessa nel conflitto. E’ ”peggiorata la situazione al fronte” per le truppe ucraine, mentre le forze armate russe stanno ottenendo ”successi tattici” in varie zone, dice Syrsky spiegando che la Russia sta ”attaccando lungo tutta la linea del fronte in modo continuo e con successo”
L’Ucraina attende le armi che gli Stati Uniti si sono impegnati a inviare con il varo del pacchetto da 61 miliardi di dollari. Washington, che ha già consegnato a Kiev nuovi missili Atacms in grado di colpire a 300 km di distanza, hanno autorizzato un nuovo pacchetto supplementare da 6 miliardi con i missili Patriot a lungo chiesti dal piagnucoloso, ma bellicoso presidente Volodymyr Zelensky.
Sul fronte dei possibili colloqui di pace la Russia arretra dopo che Zelensky ha rifiutato ogni confronto e Biden ha inviato nuove armi al suo alleato. “Al momento, non ci sono le premesse per colloqui con l’Ucraina,”. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, frena sull’ipotesi di un dialogo tra Mosca e Kiev per porre fine alla guerra iniziata oltre 2 anni fa con l’invasione ordinata da Vladimir Putin. “Tutti conoscono la posizione dell’Ucraina che è quella di respingere qualsiasi tipo di negoziato. L’operazione militare speciale quindi continua”, ha aggiunto. La posizione di Vladimir Putin “è ben nota”, ha detto Peskov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *