Rinnovare le Istituzioni

Ucraina: sanzioni contro la Russia funzionano. Presto in azione i Leopard contro Putin

KIEV – Annunci esultanti del presidente-attore Zelensky che va all’attacco confortato dagli esiti positivi delle sanzioni Ue contro la Russi e dalle forniture di armi potenti e micidiali da parte dell’Occidente. Ha inoltre invitato a Kiev il presidente cinese Xi Jinping.

L’esercito ucraino potrebbe lanciare una controffensiva prima dell’estate, le forze armate di Kiev attaccheranno in diverse direzioni usando al fronte anche i Leopard tedeschi: lo ha annunciato il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov in una intervista a Err, dopo che nelle scorse settimane era circolata l’ipotesi di un contrattacco a ridosso della primavera. Vedrete i Leopard “in contrattacco per decisione del nostro Stato maggiore”, ha affermato, aggiungendo che “la controffensiva è già stata pianificata in più direzioni. Dipende qual è il momento migliore, da come decideranno i comandanti”. Il ministro della Difesa ha detto di ritenere “che già quest’anno il mondo vedrà cambiamenti molto positivi per l’Ucraina” e ha affermato che la pianificazione della controffensiva dello Stato maggiore ucraino dipende molto anche dalle condizioni meteorologiche: “In primavera abbiamo un terreno molto umido. Possono essere utilizzati solo veicoli cingolati. Penso che il momento giusto possa essere verso aprile-maggio”, ha dichiarato Reznikov al canale estone Err. Secondo il titolare della Difesa, per i combattenti ucraini, dopo le armi sovietiche i Leopard possono essere paragonati a una Mercedes dopo aver avuto a disposizione solo delle Ziguli (le famose automobili prodotte dalla russa Lada-Vaz dal 1970 partendo dal modello della Fiat 124).

MOSCA – “La guerra ibrida della Russia con i Paesi ostili durerà a lungo”. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov citato da Interfax. “Questa guerra ibrida che hanno scatenato contro il nostro Paese durerà per lungo tempo. E qui – ha aggiunto Peskov – abbiamo bisogno di fermezza, fiducia, concentrazione e unità attorno al presidente”. “Continueremo a difendere gli interessi dei nostri atleti in ogni modo possibile”, ha anche detto Peskov. “Continueremo i contatti con il Comitato olimpico internazionale proprio per proteggere gli interessi dei nostri atleti”, ha aggiunto il portavoce, citato dalla Tass. Mentre il presidente russo Putin ammette che le sanzioni possono avere “un effetto negativo” sull’economia russa, quindi è necessario “lavorare sulla domanda interna”.

ZELENSKY – Intanto Volodymyr Zelensky ha invitato il leader cinese Xi Jinping a Kiev: lo ha reso noto lo stesso Zelensky in un’intervista esclusiva all’agenzia di stampa AP pubblicata online. “Siamo pronti a vederlo qui”, ha affermato il presidente ucraino nell’intervista tenuta a bordo di un treno durante uno dei suoi spostamenti nel Paese. “Voglio parlare con lui – ha aggiunto -. Ho avuto contatti con lui prima della guerra su larga scala. Ma durante tutto questo anno, più di un anno, non ho avuto (contatti)”. “Gli Stati Uniti capiscono davvero che se smettono di aiutarci, non vinceremo”. Il presidente dell’Ucraina ha affermato che teme che la guerra possa essere influenzata dallo spostamento delle forze politiche a Washington. Zelensky è consapevole, riporta Ap dopo la lunga intervista, che il successo del suo Paese è stato in gran parte dovuto alle ondate di sostegno militare internazionale, in particolare dagli Stati Uniti e dall’Europa occidentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *