Rinnovare le Istituzioni

Ucraina: la Nato provoca Putin. Imponenti esercitazioni militari in Estonia, aumentano le truppe schierate

BRUXELLES – Come giustamente ha fatto più volte notare Papa Francesco, la Nato non è esente da critiche per la situazione attuale di guerra in Ucraina. Ma imperterrita l’Alleanza continua a compiere attività che spingono alla guerra e non alla pace, trainata dalle smanie militaresche di Biden e Zelensky.

In Estonia, sul confine orientale della Nato, si stanno svolgendo esercitazioni degli alleati mentre infuria la guerra in ’Ucraina. Il messaggio a Mosca è chiaro. «Dice che con breve preavviso possiamo schierarci molto velocemente», spiega il tenente colonnello Edouard Bros, comandante delle truppe francesi in Estonia che partecipano all’esercitazione Spring Storm. A quindici mesi dall’inizio della guerra della Russia contro l’Ucraina e a un mese dal vertice dei leader della Nato a Vilnius, l’alleanza sta rafforzando le sue difese orientali. Ora che Mosca ha spostato indietro le lancette del tempo di decenni riportandole alla Guerra Fredda, la Nato sta conducendo la più grande riorganizzazione delle sue difese e della sua pianificazione da una generazione a questa parte.

Il generale statunitense Christopher Cavoli, comandante supremo della Nato in Europa, ha affermato: «Questo è reso necessario dalle nuove realtà che dobbiamo affrontare». Da quando Mosca ha iniziato l’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022, l’Alleanza ha aggiunto migliaia di truppe al suo confine orientale. Ha schierato altri quattro «gruppi tattici» multinazionali in Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria, oltre a quelli istituiti al confine con la Russia in Polonia e negli Stati baltici dopo la presa della Crimea da parte di Mosca nel 2014. I membri della Nato stanno ora pianificando come aumentare il dispiegamento nei Paesi baltici e in Polonia fino a raggiungere le dimensioni di una brigata, il che significherebbe aggiungere altre migliaia di truppe, «dove e quando necessario».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *