Rinnovare le Istituzioni

Zelensky lancia la controffensiva ucraina contro Putin. Ennesimo annuncio, sarà la volta buona?

KIEV – Ormai dalla fine del 2022, ringalluzzito dagli aiuti di Biden, di von der Leyen e dei governi europei (Italia in primis) che lo hanno imbottito di armi e di finanziamenti, il presidente-attore Volodymyr Zelensky continua a recitare la sua parte, e anche oggi, in un’intervista, conferma l’inizio prossimo della controffensiva ucraina che dovrebbe cacciare l’invasore russo. Zelensky fa il gradasso, e vedremo l’effetto non tanto delle sue parole, quanto dell’azione del suo esercito. La foto che pubblichiamo (Ansa) è rivelatrice dell’atteggiamento e dello stato d’animo del presidente – attore.

L’Ucraina è pronta a lanciare la sua attesa controffensiva: lo ha affermato il presidente Volodymyr Zelensky in un’intervista al Wall Street Journal. “Crediamo fermamente che avremo successo”, ha commentato il leader ucraino da Odessa. Zelensky ha riconosciuto la superiorità aerea russa e la mancanza di protezione da questa minaccia – ha sottolineato – significa che “un gran numero di soldati morirà” nell’operazione.

“Non so quanto tempo ci vorrà”, ha dichiarato Zelensky. “Ad essere onesti, può andare in vari modi, completamente diversi. Ma la faremo e siamo pronti”, ha sottolineato, aggiungendo che Kiev avrebbe voluto avere un maggior numero di armi dall’Occidente per la prossima campagna. Tuttavia, l’Ucraina è pronta a muoversi: “Vorremmo avere certe cose, ma non possiamo aspettare per mesi”, ha detto.

Il leader ha poi osservato che le forze di terra ucraine sono “più forti e più motivate” delle truppe russe, ma se l’Ucraina non sarà in grado di resistere alla Russia, “quell’animale, quella bestia svilupperà un gusto” per la conquista e andrà oltre, ha aggiunto riferendosi al presidente russo Vladimir Putin. Zelensky si è anche detto preoccupato che qualsiasi cambiamento nell’amministrazione americana possa influire sugli aiuti. “In una situazione come questa, quando c’è sostegno, si ha paura dei cambiamenti”, ha detto. “E ad essere onesti, quando si parla di un cambio di amministrazione, mi sento come qualsiasi altra persona: si desidera un cambiamento in meglio, ma può anche accadere il contrario”, ha aggiunto. E in fondo è preoccupato per le condizioni dell’amico e sostenitore Biden, immortalato dai mass media mentre cade di schianto dal palco o parla con persone che non ci sono, dando preoccupanti segnali sulla sua salute mentale.

Ma una preoccupazione più immediata per il presidente ucraino, scrive il Wall Street Journal, è quella di garantire un percorso chiaro verso l’adesione del Paese alla Nato al vertice che si terrà a luglio a Vilnius, in Lituania. “Se non riceveremo un segnale a Vilnius, credo che non abbia senso che l’Ucraina partecipi a questo vertice”, ha dichiarato. Quanto alla Cina, Zelensky si è augurato che Pechino non rimanga “a guardare la gente morire”. Ed ha concluso: “Se sei grande, questo è il significato di grandezza nazionale. Questo non è un quadro o un museo; è una guerra vera e sanguinosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *